sabato 18 ottobre 2014

ANALISI DI ALCUNE PROFEZIE SU BENEDETTO XVI e PAPA FRANCESCO - Quarta Parte


Come di consueto consiglio la lettura delle parti precedenti di questo articolo per comprenderlo nel suo insieme.
Cominciamo questa quarta parte in modo leggero, citando alcuni presagi che, a partire dalle dimissioni del precedente Papa, si sono uniti al coro delle voci infauste.
L'immagine di apertura, che molti già conoscono, va a sommarsi alle numerose coincidenze nefaste sull'ultima elezione papale: il giorno 11 febbraio 2013, giorno delle dimissioni di Benedetto XVI, il fotografo Alessandro Di Meo (Ansa) fece questa foto, che, nella sua relativa peculiarità, lascia un po' perplessi. 
Aldilà della critica sull'ordinarietà di un simile evento, di certo è stato appurato che non è un fotomontaggio in quanto un filmato della BBC effettuato nel medesimo momento attesta la stessa cosa (vedere a questo link).
L'altro evento piuttosto noto è la colomba liberata dal Papa il giorno 26 gennaio 2014 nell'Angelus in Piazza San Pietro, attaccata e divorata da un corvo e da un gabbiano.



Tornando invece alle consuete fonti profetiche, in un messaggio della Madonna di Anguera del 1 giugno 2005 si legge:

Cari figli, la ricerca del potere avrà come risultato una grande guerra tra i religiosi e un successore di Pietro vedrà la morte di molti dei suoi sacerdoti. Il sequestro di un leader religioso lascerà la Chiesa divisa, ma il Signore si prenderà cura del suo popolo. L’oro: ecco il desiderio dei nemici. Gli uomini cercheranno di smorzarne il luccichio, ma non riusciranno. Inginocchiatevi in preghiera. L’umanità vivrà momenti dolorosi. 

Chiaramente potrebbe riferirsi ad un Papa ancora successivo (ricordate però sempre la concordanza della Profezia dei Tre Papi di Garabandal e Malachia, che sanciscono questi tempi), ma se ripensiamo a quello che abbiamo riportato nella seconda parte, potrebbe esserci una concordanza con il termine "sequestro":

"Mi spiego: ricordi quando scrisse che Benedetto XVI avrebbe potuto ritirarsi in un monastero in Baviera o in altre parti d’Europa? Antonio… Antonio… oggi più che mai Benedetto XVI non può mettere piede fuori dal Vaticano. Non può … se a bordo di un’auto si avvicinasse coi suoi accompagnatori a una delle tre porte di uscita del Vaticano, la gendarmeria non lo lascerebbe uscire fuori. Così è, credimi: così è (…)".

E non dimentichiamo quest'altra famosa profezia, sempre della Madonna di Anguera, del dicembre 2008:

"La Chiesa del mio Gesù porterà una croce pesante. Arriverà il giorno in cui ci saranno due troni, ma solo su di uno siederà il vero successore di Pietro. Sarà questo il tempo della grande confusione spirituale per la Chiesa. Restate con la verità. Ascoltate quello che vi dico e restate saldi nella fede".

Passiamo ora ad una profezia di San Francesco di Assisi, che, guarda caso, porta il nome dell'attuale Papa e, nel 1226, in punto di morte, riunì i suoi fratelli e predisse loro un tempo di grandi difficoltà per la Chiesa:  

"Un periodo di grandi tribolazioni e afflizioni in cui grandi pericoli e imbarazzi temporali e spirituali accadranno; la carità di molti si raffredderà e l’iniquità dei malvagi abbonderà. Il potere dei demoni sarà più grande del solito, la purezza immacolata della nostra comunità religiosa e altri saranno appassiti al punto che ben pochi fra i cristiani vorranno obbedire al vero sommo Pontefice e alla Chiesa Romana con un cuore sincero e perfetta carità."

Potremmo interpretare quest'ultima frase con la ferrea teologia di Benedetto XVI che poco piaceva alla gente.
Ricordiamo che Nostradamus profetizzo di Ratzinger: "poi verrà eletto uno che dei Romani non sarà troppo conforme" (non piacerà ai Romani, gli Italiani).
Vedi anche l'analisi in questo blog: Nostradamus e l'elezione di Benedetto XVI.

 “Nel momento decisivo di questa crisi, un personaggio non canonicamente eletto, elevato al soglio pontificio, si adopererà a propinare sagacemente a molti il veleno mortale del suo errore." 

La profezia prosegue in linea con quanto fin'ora esaminato...

"Mentre gli scandali si moltiplicheranno, la nostra congregazione religiosa sarà divisa tra altre che saranno completamente distrutte, perché i loro membri non si opporranno, ma consentiranno all’errore. Ci saranno così tante e tali opinioni e divisioni tra la gente, e tra i religiosi e i chierici che, se quei giorni malefici non fossero abbreviati, come annunciato dal Vangelo, anche gli eletti cadrebbero nell’errore (se fosse possibile), se in tale uragano non fossero protetti dall’immensa misericordia di Dio." 

Tutto questo richiama in maniera inquietante le attuali questioni e dibattiti che stanno nascendo in seno alla Chiesa. 

"Così la nostra Regola e il nostro modo di vita saranno violentemente attaccati da alcuni. Delle tentazioni terribili sorgeranno. "

"Coloro che supereranno la grande prova riceveranno la corona della vita. Guai a quelli tiepidi che metteranno ogni loro speranza nella vita religiosa, senza resistere saldamente alle tentazioni consentite per provare gli eletti. Coloro che nel fervore spirituale abbracceranno la pietà con la carità e zelo per la verità, subiranno persecuzioni e insulti come se fossero scismatici e disobbedienti. Perché i loro persecutori, spronati da spiriti maligni, diranno che in questo modo prestano grande onore a Dio nell’uccidere e rimuovere dalla terra degli uomini tanto cattivi. Allora il Signore sarà il rifugio degli afflitti e lui li salverà, perché hanno sperato in Lui. E poi per rispettare il loro Capo, agiranno secondo la Fede e sceglieranno di obbedire a Dio piuttosto che agli uomini, acquistando con la morte dalla vita eterna, non volendo conformarsi all’errore e alla perfidia, per assolutamente non temere la morte. Così alcuni predicatori terranno la verità in silenzio e negandola la calpesteranno. “La santità di vita sarà derisa da coloro che la professano solo esteriormente e per questa ragione Nostro Signore Gesù Cristo invierà loro non un degno pastore, ma uno sterminatore“. 
Opera Omnia S. FRANCISCI ASSISIATIS, col. 430 Paris Imp. Bibliothèque écclésiastique 1880 (dalle annotations de Louis-Hubert Remy)

A questo punto, per dovere di cronaca, citiamo la Beata Anna Caterina Emmerick, che persino i media hanno portato alla ribalta delle cronache quando ci siamo ritrovati con un Papa ed un Papa Emerito.
Alcuni critici affermano che i "due Papi" citati dalla Emmerick non sarebbero contemporanei e che la veggente si limiterebbe a confrontare due Papi e due Chiese in periodi differenti. 
Rileggendo per intero le profezie si possono sposare entrambe le ipotesi, ma a onor del vero non si capirebbe il perché di quel confronto tra spazio tempo differenti, senza contare che si parla di "rapporto tra i due Papi":

"Vidi anche il rapporto tra i due papi... Vidi quanto sarebbero state nefaste le conseguenze di questa falsa chiesa. L’ho veduta aumentare di dimensioni; eretici di ogni tipo venivano nella città [di Roma]. Il clero locale diventava tiepido, e vidi una grande oscurità... Allora la visione sembrò estendersi da ogni parte. Intere comunità cattoliche erano oppresse, assediate, confinate e private della loro libertà. Vidi molte chiese che venivano chiuse, dappertutto grandi sofferenze, guerre e spargimento di sangue. Una plebaglia selvaggia e ignorante si dava ad azioni violente. Ma tutto ciò non durò a lungo"

e ancora:

“Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire. Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente" 

Cominciamo ora una valutazione delle voci discordi a questo filone e che concluderemo nella prossima parte che, dovrebbe, essere l'ultima (ma non è detto...).

In primis non possiamo non citare una delle attuali apparizioni in corso più note: Medjugorje, che, pur non avendo avuto ancora l'accettazione della Chiesa, è comunque un'apparizione ritenuta veritiera da moltissimi fedeli Cattolici, nonchè dal baluardo radiofonico della Chiesa Cattolica, Radio Maria, che, attraverso Padre Livio, ne diffonde i messaggi come fosse ormai un'apparizione confermata, al pari di Fatima.

Messaggio al veggente Ivan del 17 agosto 2014:
"Cari figli oggi in modo particolare vi invito a pregare per la pace, apritevi allo Spirito Santo cari figli, che lo Spirito Santo vi guidi, particolarmente cari figli in questo tempo pregate per il mio amatissimo Santo Padre pregate per la sua missione della pace, la Madre prega insieme a voi, intercede presso Suo Figlio per ciascuno di voi.

In quel periodo Papa Francesco si trovava in Corea per un Viaggio Apostolico dal 13 al 18 agosto.
Alcuni sostenitori della tesi del "falso profeta" asseriscono che il Santo Padre a cui la Gospa farebbe riferimento sarebbe in realtà il Papa Emerito e la sua "missione di pace", quella contro la falsa Chiesa nascente.

Ci sono comunque altre fonti profetiche a favore della legittimità di Papa Francesco. 

Nella prossima parte ne esamineremo ancora e cercheremo di capire nel limite del possibile quale filone sia il più verosimile, considerate tutte le fonti profetiche fin'ora citate ed altre ancora
Aldilà del vero e del falso, ricordo però che in molti casi citati c'è la questione dell'anticipazione dell'evento, che è comunque prova di un'origine che trascende le leggi del tempo e degli uomini, ma lo vedremo meglio nel quinto capitolo di questo viaggio. 

Difficilmente nell'esegesi delle profezie ho mai riscontrato una dicotomia simile, pare proprio che, da qualunque origine partano questi messaggi, c'è la chiara volontà di confondere, almeno da una delle due parti e tutto questo è l'emblema dell'annosa lotta tra il Bene ed il Pervertitore, che prosegue senza sosta.

5 commenti:

  1. Lei con il suo modo di mescolare tutto, nelle sue teorizzazioni fa fare una grande confusione a chi la segue, questo suo voler credere a tutti, per non si sa quale verità, parrebbe invece un modo per mescolare tutto in grande calderone di idee, che non danno nessuna direttiva univoca ma anzi sconvolgono le menti sempre più, allontanando poi in definitiva la gente dal credere in Cristo, tutta questa confusione serve solo per far perdere la fede.

    Una sola cosa, i veggenti di Medj che lei valorizza hanno detto delle vere eresie nel corso della loro storia e nessuno vi bada, ma quando asseriscono che francesco sarebbe per la madonna il loro vero papa, subito tutti a credergli quando questa è una falsità, e ben in questi giorni vediamo gli epiloghi delle sue parole di pontefice che tutto è che un santo, ma un apostata.

    Questo suo modo di fare non è dar una vera parola, non è separare il vero dal falso ma rendere vero quello che è falso, e falso quello che è vero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @YhwhnnBoanerges già altre volte ho avuto modo di leggere i suoi commenti e se accetta un consiglio personale le suggerirei di sentenziare di meno e di ascoltare di più.
      Le uniche cose che mi ha detto sono totalmente errate a riprova del fatto che non presta attenzione nemmeno quando legge il materiale altrui, tanto è preso dal voler validare le tesi che ha nella sua testa.
      Io non "valorizzo" i veggenti di Medjugorje, come lei afferma, tant'è che più volte nelle pagine di questo blog troverà da me pubblicizzato il sito di Marco Corvaglia, che ha smontato la questione di Medjugorje pezzo per pezzo, bollandoli come dei falsi veggenti. Però ho anche molto rispetto per il Credo altrui, per cui limito i miei commenti in quanto sono consapevole, al contrario di lei, di non avere in me la scienza infusa e la conoscenza assoluta di ogni cosa, per cui mi resta sempre un ragionevole dubbio in qualsiasi cosa affermo, dettato più che altro da un grande amore per l'umiltà.
      Proprio in questa stessa sequenza di articoli sotto la quale lei ha commentato e per la precisione nella "quinta parte", io stesso cito Medjugorje in modo critico, riferendomi alla fantomatica pergamena di Mirjana, quindi, come vede, anzi, come avrebbe dovuto leggere lei stesso, non li valorizzo affatto.
      Non commento nemmeno il suo chiamare "apostata" papa Francesco con tanta sicurezza: questo lei non lo chiama mischiare il vero con il falso? Crede di essere così tanto più furbo e sveglio di milioni di fedeli? Non si concede nemmeno il beneficio del dubbio? E' grazie a gente come lei, con la "verità" in tasca, se tante persone finiscono nelle maglie dell'illusione e cadono miseramente in convinzioni che fanno più danni che altro. Io, a differenza di lei, non vendo nessuna Verità, ma cerco di mettere sul piatto i dati a mia disposizione e prego che il buon senso guidi me e chi mi legge verso la direzione corretta.

      Elimina
  2. Dicevo...
    "Ecco una ragione per prendersi delle vacanze: bravo MBLux !
    Quanto è dura essere umanisti, talvolta...
    :-)
    YMan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ce la farò ad andare in vacanza? :-D...

      Elimina
  3. Eh, quando si è tirati per i capelli...
    Comunque "clap-clap" per la risposta: l'evidenza stessa del perché tu tieni (tenevi?) un blog ed io no.
    ;-)
    YMan

    RispondiElimina