mercoledì 2 dicembre 2015

PROFEZIE SULLA TERZA GUERRA MONDIALE - Sesta Parte



Sesta ed ultima parte di questo lungo excursus sui profeti che hanno avuto visioni del terzo conflitto mondiale.

Vi riporto i link delle parti precedenti: 1° parte - 2° parte - 3° parte - 4° parte - 5° parte.

Fino ad ora abbiamo visto testimonianze di veggenti europei.
Il comune denominatore di questi veggenti è stata la descrizione di un'invasione dell'Occidente da parte di una coalizione orientale, capeggiata dalla Russia ed in cui sarà presente anche una componente arabo-islamica. Essendo europei, in maggioranza hanno avuto visioni del teatro di guerra in Europa.
In questo articolo vedremo testimonianze di profeti provenienti da altre parti del mondo e, come di consueto, cercheremo tutte le correlazioni presenti con il quadro generale estratto fino ad ora da tutte le profezie esaminate.


  • David Wilkerson (1931, Indiana - 2011, Texas, USA)

Nel 1985 Wilkerson profetizzava:

"L'America sta per essere distrutta dal fuoco. Un'improvvisa distruzione è alle porte e pochi scamperanno. Improvvisamente, in poche ore un olocausto d'idrogeno fagociterà l'America e questa nazione non esisterà più."
"[...] Verrà un attacco dalla Russia e questo olocausto avverrà dopo un collasso economico".

Durante la nostra analisi, nelle parti precedenti di questo articolo, i veggenti esaminati hanno descritto questo terzo conflitto occupandosi principalmente del teatro europeo, a parte qualche eccezione: il tedesco Alois Irlmaier che ci parla di un attacco cinese in Alaska e Canada e lo svedese Anton Johansson, che descrive brevemente la situazione di diverse nazioni, tra cui l'America.

Proprio quest'ultimo (A.Johansson), in linea con l'americano Wilkerson, afferma che gli Stati Uniti avranno grosse difficoltà a soccorrere l'Europa perchè a loro volta dovranno affrontare un attacco russo in casa loro. (vedi la 4° parte di questo articolo).

Un altro tema ricorrente di moltissime fonti profetiche è che il terzo conflitto avverrà dopo un pesantissimo collasso economico planetario. Questo collasso sicuramente lo stiamo vivendo, ma, sulla base dei vaticini, pare che non abbiamo ancora toccato il fondo.

1992, sempre Wilkerson:

"Ci saranno trenta giorni di castigo su New York City, Dio sta per permettere all'uomo di scatenare la sua violenza. Una violenza così feroce che spaventerà il mondo intero. Servirà l'esercito per riportare l'ordine sulle strade. Fuochi si accenderanno in tutta la città e i pompieri non saranno in grado di gestire tutto. [...] New York sarà completamente in banca rotta. La "Queen City" sarà gettata nel fango e diverrà una città povera. [...] L'economia della nazione crollerà e la violenza scoppierà."

Rivolte e guerra civile dovute ad una crisi economica senza precedenti. Ricorda un po' la Profezia di Hezra in chiave americana.
E' comunque molto inquietante che Wilkerson parlasse di questa crisi economica epocale quindici anni prima che si manifestasse realmente nel mondo intero, ma pare che non siamo ancora giunti agli scenari apocalittici descritti dal veggente.

Infine, nel 2009, a crisi economica iniziata, aggiunse:

"Ci saranno saccheggi a Time Square e in tutta la città. Quello che stiamo vivendo non è una recessione e nemmeno una depressione, ma siamo sotto l'ira di Dio."


  • Henry Gruver (USA, vaticinio del 1986)

Nel 1986 Gruver ebbe una visione di un'invasione dell'America da parte di Russi e Cinesi che provocheranno una totale distruzione di questa nazione.
Qui abbiamo una correlazione con Irlmaier che vede i Cinesi attaccare il continente americano passando dall'Alaska e dal Canada.
Gruver vide movimenti russi via mare e via aria ed attacchi con gas nervino e armi nucleari.
Secondo Gruver a causa di questa guerra perirà il 60% della popolazione statunitense.

Gruver ebbe tre visioni distinte di questo attacco:

Prima Visione - A Washington vide una forza d'invasione cinese giungere per mare e invadere la terra. Vide i cinesi uccidere qualsiasi civile capitasse a tiro.
Nella visione vide gli Stati Uniti rispondere all'attacco con aerei d'epoca risalenti alla Seconda guerra mondiale. Il suo intimo gli suggerì che quello rappresentava un simbolo ad indicare la debolezza degli USA entro i suoi confini nazionali.

Seconda Visione - In questa visione Gruver si vide camminare con la moglie lungo un canyon. Lì incontrò un maggiordomo che lo invitò a sedersi su una piattaforma arredata con 60 sedie. Quando furono seduti videro un generale parlare con un politico. Poi giunse un elicottero che trasportava un ufficio portatile e lo fece atterrare sulla piattaforma. Ne uscì il principe Carlo, in abito da Safari. Piangeva e annunciò che l'America e gli altri paesi della sua coalizione che erano entrati in guerra non avevano Dio dalla loro parte. Il generale protestò che Dio non c'entrava nulla con la guerra e, improvvisamente, un'enorme rana, che Gruver sentiva rappresentare la Russia, gracchiò gas nervino e uccise tutte le persone presenti.

Terza Visione - Questa terza visione il veggente l'ebbe durante una visita all'isola di Anglesey, nel Galles. Nella visione fu assunto in cielo e dall'alto guardava la terra come in una mappa e vide giungere dalla Russia una massiccia forza bellica navale proveniente dal Mar Glaciale Artico, arrivando fino all'oceano Atlantico per attaccare gli Stati Uniti da Est, via mare. Contemporaneamente vide una possente forza militare colpire la costa occidentale. Sottomarini nucleari appostati lungo le linee costiere americane attaccarono con testate nucleari New York e altre grandi città.
Le principali città distrutte viste dal veggente sono New York, Seattle, Washington, Miami, Florida, San Diego e Los Angeles in California.

A questo punto Gruver dice di aver ricevuto un'indicazione sul tempo di quando queste cose accadranno.
Ricordiamoci che Gruver sta parlando nel 1986, con l'Unione Sovietica ancora in piedi.

"Quando la Russia aprirà le sue frontiere e lascerà entrare grandi masse di persone dal 'mondo libero' e si lascerà occupare da questa gente che metterà su casa in Russia, cominceranno a crescere le armi in quel paese e si griderà 'pace e sicurezza'. Sarà proprio allora che succederà."


  • Dumitru Duduman (veggente rumeno trasferitosi negli USA, 1996)
In una visione del 1996, Duduman vide forze cinesi e russe attaccare gli Stati Uniti da entrambe le coste.


  • Reverendo Fodosy (Caucaso, 1948) 
"Ci sarà un'altra guerra. (il vaticinio è del 1948, successivo alla Seconda guerra mondiale, n.d.r.) Su tutti i lati, come cavallette, i nemici si diffonderanno in Russia. 
Molti paesi si sono coalizzati assieme per annientarla, ma la Russia sopravviverà."

  • Reverendo Lawrence di Cernigov (Ucraina, 1950)
"Arriverà una guerra mondiale. Esploderà una bomba così potente che il ferro si fonderà e le pietre si scioglieranno. Inizieranno a gridare: "abbasso la guerra, ridateci un Re". In Russia la guerra giungerà con grande dolore, ma la Russia non perirà nel fuoco."

Pare concordare con quanto visto fino ad ora e cioè che il grosso delle armi verrà utilizzato nei teatri di guerra europei ed americani.

"La Bielorussia invece soffrirà, ma sarà con la Russia. L'Ucraina invece non sarà con noi."

Questa affermazione concorda con quanto la storia ci ha mostrato fino ad ora in Ucraina, contesa da tempo sia dall'Occidente che dalla Russia. Evidentemente la mano occidentale avrà la meglio sulla Russia per quanto riguarda il controllo di questo stato chiave dell'Europa orientale.

  • L'Anziano Joseph di Vatopedi (Grecia, 2009)
"Ci sarà una guerra e avremo grandi difficoltà, ma non spaventatevi e abbiate sempre speranza in Dio. Ci sono stati migliaia, milioni di martiri e dobbiamo anche essere pronti per questo. Non terrorizzatevi. Pazienza. Preghiera e fiducia nella Provvidenza di Dio. Preghiamo per la rinascita del Cristianesimo... dopo tutto, cosa possiamo aspettarci dal Signore se non la forza per rinascere. Ma prima sarà necessario passare attraverso questo dolore."

  • Beato Pelagia Zaharovskaya (Russia, 1966) 
"Il popolo russo verrà vessato con ogni mezzo, e molto ha ancora da venire! Ci sarà una grande guerra e il popolo sceglierà l'Anticristo!"

  • L'Anziano Matthew Bresthena (Russia, 1950) 
"Ci saranno persecuzioni, molestie, e molti segni celesti. E poi ci sarà la guerra. Sarà una guerra breve ma devastante."

Nuovamente, questa volta da un profeta russo, abbiamo la conferma della brevità di questa guerra, la quale, però, a causa della potenza delle armi utilizzate, sarà più devastante di tutte le guerre precedenti.

  • Shiarihimandrit Christopher (Russia, 1996). 
"La guerra sarà breve e questo salverà molti, altrimenti non si salverebbe nessuno."

  • Giovanni di Kronstadt (Russia, 1909)
"Prevedo una forte ripresa in Russia, che diventerà ancora più forte e più potente.
La nuova Russia sarà eretta sulle ossa dei martiri come solida base: l'antico modello della loro fede incrollabile in Cristo, Dio e la Santissima Trinità, secondo la volontà ed il patto del principe Vladimir. Sarà una vera Chiesa."

La Russia come nazione in cui tornerà la vera fede dei martiri è stata già vista nelle profezie di Irlmaier, che dice:

"In Russia scoppia una rivoluzione e una guerra civile. I cadaveri sono tanti che loro non possono più rimuoverli via dalle strade.

La croce viene onorata in modo diverso. La gente russa crede in Dio in modo diverso.”

Molte altre fonti profetiche e comunicazioni mariane indicano nella Russia la nazione che farà rinascere il Cristianesimo.

  • L'Anziano Alexis di Zosima (Russia, 1928) 
"Chi dice che la Russia è condannata alla distruzione sbaglia. Non scomparirà mai, non morirà mai, ma dovrà passare attraverso una purificazione completa affinché tutto il popolo russo sia epurato da ogni contaminazione e difetto e per questo passerà attraverso una difficile prova. Questo per avvicinarsi alla preghiera di Dio ed al pentimento. La Russia non perirà e non sarà distrutta fino alla fine dei tempi."

  • Arcivescovo Theophan Bystrov (Russia, 1940)
"La Russia risusciterà dai morti ed il mondo intero sarà sorpreso. [...] Tornerà la monarchia e sarà Dio stesso a mettere un forte Re sul trono."

Altre fonti profetiche parlano di un ritorno di una monarchia (illuminata) in Russia. Qui cito anche Renzo Baschera, nelle profezie di San Basilio da Kronstadt, in cui si prospetta un ritorno degli Zar.

E di nuovo il Reverendo Lawrence di Chernigov (Ucraina, 1950) in perfetto accordo con quanto detto fin'ora, dice:

"La Russia insieme a tutti i popoli slavi sarà un regno potente. L'Unto di Dio la toccherà e scompariranno tutti gli scismi e le eresie. [...] In Russia rifiorirà la fede e la gioia perduta."

E con questo chiudo questo lungo articolo diviso in sei parti, sperando di aver dato un quadro abbastanza dettagliato delle profezie riguardanti il terzo conflitto mondiale nei diversi paesi e nelle diverse epoche.

Chiaramente ci sono anche voci discordanti, come, ad esempio, alcune profezie riguardanti un attacco cinese alla Russia (che vanno un po' a sconvolgere la nostra visione d'insieme delle coalizioni che prenderanno parte al conflitto), ma sono una minoranza e comunque, come in tutto ciò che riguarda questo genere di fenomeni, il Sacro si mischia al profano e spesso risulta difficile distinguere l'uno dall'altro.